Italiani e vacanze: Tripadvisor, per 8 su 10 nel 2012 il budget rimarrà invariato

Nonostante la crisi sono molti quelli che il prossimo anno si concederanno un viaggio disponendo di somme pari, se non addirittura più alte, rispetto le ferie del 2011. Fra 2mila e 4mila euro la cifra media. Mete più gettonate quelle a lungo raggio.

Cronaca Viaggi e Turismo Redazione/TB — 23/11/2011
Fonte: Immagine dal web

"Nonostante le preoccupazioni economiche che pesano sui progetti di vacanza 2012 gli italiani si dichiarano sempre più propensi a viaggiare, privilegiando le destinazioni a lungo raggio. Questi risultati ci inducono ad un cauto ottimismo, anche perché potrebbero preannunciare una generale ripresa del settore turistico, ben oltre i confini nazionali". Commenta così, Lorenzo Brufani, portavoce di TripAdvisor Italia, i dati raccolti proprio dal suo portale web, che evidenziano come, nonostante l'attuale incertezza economica, il 67% degli italiani nel 2012 ha già in mente un viaggio per il quale manterrà invariato il proprio budget. Un decisamente fortunato 15% di turisti nostrani potrà attingere, invece, ad un fondo vacanze più alto rispetto a quello del 2011. Dal sondaggio on-line è emerso inoltre che, mediamente, oltre un terzo dei viaggiatori italiani intervistati disporrà di un budget compreso fra 2mila e 4mila euro.

I DATI IN GENERALE. Dall'indagine viene fuori comunque un universo variegato di viaggiatori. È vero che il 67% viaggerà con lo stesso budget dell'anno prima, ma non mancano i "travellers" più parsimoniosi, come il 18% di quelli che dovrà dare un taglio alla somma destinata alle proprie ferie nei prossimi dodici mesi. Tra l'altro i fortunati che attingeranno ad un cospicuo fondo vacanze, sono l'8% e spenderanno in media 8mila euro o più per le vacanze 2012 rispetto il 2011. Un ampio 99% dei turisti nostrani si concederà almeno un viaggio di piacere nel 2012, mentre il 58% degli intervistati sta pianificando fra le due e le tre vacanze - una percentuale ben al di sopra del 45% del 2011. E fra le nazionalità che hanno in programma lo stesso numero di viaggi di piacere figurano anche gli spagnoli (57%), i francesi (58%), gli inglesi (47%), e i tedeschi (57%).



LA SCELTA "TATTICA" DEL WEEK-END LUNGO. Il 53% dei viaggiatori italiani che hanno preso parte al sondaggio di Tripadvisor pianificherà almeno un fine settimana "lungo" nei prossimi dodici mesi - una percentuale al di sotto della media europea dell'81% - mentre a concedersi fino a tre "parentesi" vacanziere a margine del week-end sarà solo un piccolo 8% di viaggiatori nostrani, inferiore anche rispetto alle percentuali di rispondenti inglesi (17%), tedeschi (17%), spagnoli (15%) e francesi (13%) che viaggeranno di più nei week-end - rispetto alla media europea del 14%. In testa alla classifica dei vacanzieri più "incalliti" svettano i viaggiatori tedeschi, con il 92% degli intervistati di questa nazionalità intenzionati a non farsi mancare almeno un fine settimana lungo di vacanza.

EUROPA LA META IMPOSTA DAL BUDGET...Relativamente alle mete da raggiungere, il sondaggio svela che il 46% dei rispondenti italiani viaggerà prevalentemente verso mete europee, scegliendo per le proprie vacanze destinazioni entro i confini del vecchio continente solo nel 37% dei casi. Infine, il 17% dei viaggiatori italiani opterà per i viaggi verso mete nazionali e regionali. Australia, America e Pacifico del Sud in cima ai desideri dei viaggiatori italiani.

…RESTO DEL MONDO IL SOGNO PIÙ AMBITO. Se potessero pianificare il proprio viaggio di piacere senza alcun limite o vincolo di budget, i viaggiatori italiani pianificherebbero le proprie vacanze in: Australia (27%), America (18%), Pacifico del Sud (11%), Sud America (10%), Asia Sud orientale (7%), Africa (6%). 

"DIGITO, DUNQUE PRENOTO". Con il 57% dei rispondenti italiani propensi all'utilizzo di dispositivi mobili come Smart Phone, iPad e Tablet per l'acquisto dei propri pacchetti vacanza nel prossimo anno - ben al di sopra della media europea del 39% - i turisti di casa nostra si aggiudicano il podio fra le nazionalità più orientate alla prenotazione delle vacanze "on-the-go" attraverso cellulari, palmari e altri device mobili. Fra i viaggiatori più restii all'acquisto dei propri viaggi e soggiorni mediante dispositivi mobili figurano invece i rispondenti tedeschi (43%), francesi (37%) e spagnoli (28%).