Capitan Harlock: Cameron, "mitico, epico e visivamente senza precedenti"

Così il regista di Titanic definisce il film che porta sul grande schermo il leggendario pirata dello spazio nato nel 1976 dalla fantasia di Leiji Matsumoto. Uno dei manga di fantascienza più famosi della storia divenuto un cartoon dal successo galattico

Animazione, Docu e Corti Emanuele Dorru — 03/01/2014
Gallery

    http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761802_18.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761816_1.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761823_8.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761836_11.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761843_12.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761852_5.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761865_10.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761872_5.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761879_17.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761887_15.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761893_10.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761902_6.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761908_9.jpg

  • http://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1388761914_14.jpg
Image of

In principio fu un manga giapponese di fantascienza nato nel 1976 dalla fantasia dell'autore e illustratore Leiji Matsumoto, una serie a strisce pubblicata nelle pagine di Play Comic. Poi il successo del fumetto fu tale che due anni dopo, nel 1978, venne realizzata una serie televisiva anime di 42 episodi prodotta dalla Toei Animation. Questa volta Capitan Harlock, ex capitano della flotta della Legione di Gaia, divenuto un pirata dello spazio in rivolta contro le forze governative, torna nuovamente a scatenare l'immaginario collettivo di migliaia di fans direttamente dal grande schermo e in versione 3D.

Così ri-troviamo Capitan Harlock alla guida della sua nave pirata Arcadia e della sua leale ciurma in una rischiosissima missione: disfare i "nodi del tempo" e riportare la Terra ad un'epoca in cui era ancora abitata dall'uomo. È l'anno 2977 e 500 miliardi di esseri umani dispersi nell'universo desiderano ardentemente fare ritorno a quel pianeta che ancora sentono come la propria casa. Il ribelle Harlock e la sua truppa fidata sono la sola speranza per il genere umano di poter un giornoraddrizzare tutti i torti subiti dalla corrotta Coalizione Gaia.

Realizzato in computer grafica da un gruppo di animatori ed esperti giapponesi, Capitan Harlock è certamente un film destinato a fare epoca e non limitandosi a riportare sullo schermo il personaggio in sé. Proprio come Batman (1989) è rinato nei panni di The Dark Knight (2008) e Superman (1978) in quelli di Man of Steel (2013), anche in questo caso si tratta di una riproposizione a partire dal materiale originale decisamente più innovativa e spettacolare che in passato, pur essendo stata mantenuta fedele allo spirito del lavoro di Matsumoto. Il cambiamento più evidente riguarda Harlock come 'anti-eroe ribelle', visto in questo film attraverso lo sguardo di Logan, una spia che si infiltra sulla nave da guerra Arcadia fingendosi membro dell'equipaggio. Ricercato in tutta la galassia per i suoi crimini, Harlock è un comandante straordinariamente abile in battaglia e un leader ammirato che non abbandonerebbe mai i suoi uomini. Una rivisitazione che approfondisce in modo interessante l'intima natura di Harlock, oscura ma allo stesso tempo affascinante. Si tratta di un personaggio che incarna la distruzione e il saccheggio, o rappresenta invece l'ultima speranza di sopravvivenza per la Terra?

GUARDA IL TRAILER DEL FILM


Guidata dal creatore del fumetto Leiji Matsumoto e dal regista di Appleseed, Shinji Aramaki,
la troupe comprende alcuni tra i più apprezzati professionisti dell'industria cinematografica giapponese. La sceneggiatura è stata scritta da Harutoshi Fukui, i cui romanzi sono stati spesso adattati per il grande schermo - come nel caso di Aimless Aegis - e da Kiyoto Takeuchi, che aveva già collaborato in passato con il regista Aramaki per la sceneggiatura di Appleseed Ex Machina. Per il grande schermo, inoltre, la storia originale è stata arricchita da un tema portante più attuale, ed è stato creato un universo completamente nuovo.

Il creatore e disegnatore dei personaggi, Yutaka Minowa, è celebre per Ninja Scroll. Avendo lavorato anche in passato a progetti di Matsumoto, Minowa è stato in grado di mantenere integre anche per questo nuovo adattamento le atmosfere del mondo creato dal grande maestro. Infine, fanno parte del progetto i team della Toei Animation e della Marza Animation Planet, che hanno messo insieme ii migliori esperti di computer grafica giapponesi, sotto la supervisione di Takeuchi Kengo. Dalle scene delle battaglie nello spazio remoto, agli scontri diretti a bordo delle astronavi prive di forza di gravità, il ritmo e la qualità delle sequenze, visivamente stupefacenti, sono assolutamente mozzafiato.