INTERVISTA - Action Movie: Poderosi, "in Italia non si scrivono sceneggiature d'azione"

Così l'attore Maestro d'armi direttore artistico dell'evento 'Cinematographic Martial Combat', un progetto finanziato dal Nuovo IMAIE e dedicato ad una disciplina per lo più sconosciuta e realizzato con il centro di Cinecittà 3. Ecco cosa ci ha raccontato

Cronaca Cinema Francesca Nanni — 18/03/2016

ROMA - "Nei film italiani vediamo spesso combattimenti cinematografici non moderni, non reali, per così dire un po' alla vecchia maniera di Bud Spencer. L'obiettivo del nostro progetto è dunque quello di aggiornare e preparare gli attori italiani ad nuovo approccio professionale". È Augusto Poderosi, attore e Maestro d'armi da oltre 40 anni, che vanta lavori cinematografici con registi quali Federico Fellini, Luigi Magni, Damiano Damiani, Tony Scott, Lamberto Bava, Rob Cohin, Sergio Martino, a spiegarci il motivo che ha portato alla realizzazione del progetto 'Cinematographic Martial Combact Seminar' di cui è direttore artistico.

Finanziato dal Nuovo IMAIE (Istituto mutualistico Artisti Interpreti o Esecutori), realizzato in collaborazione con il centro di produzione Cinecittà 3 di Roma, l'incontro dal 19 al 22 marzo è dunque dedicato ad una disciplina cinematografica a metà tra stuntman e attore, per lo più sconosciuta in Italia, tanto da diventare un limite nella scrittura di sceneggiature cinematografiche di genere Action Movie, Film Storici, Fantasy e di Fantascienza. "Oltre che a preparare gli attori ad un tipo di allenamento da utilizzare dal vivo nelle riprese cinematografiche che necessiteranno questo tipo di azione - spiega il Direttore Artistico -, l'altro importante motivo che ci ha spinto a realizzare questo progetto è quello di sensibilizzare le case di produzione, i registi e gli sceneggiatori a scrivere storie e sceneggiature in cui gli attori abbiano la capacità di interpretare scene d'azione e, dunque, combattimenti cinematografici. Cosa che oggi, in Italia, non avviene, o avviene, ripeto, alla vecchia maniera".



Appuntamento, dunque con una full immersion di quattro giorni, dal 19 al 22 marzo, presso il centro di produzione cine-tv Cinecittà3 che trasmetterà in live streaming dal suo canale web, dove  16 attori partecipanti saranno immersi nella realtà di un vero e proprio set cinematografico, ripresi in tutta la loro formazione da una troupe. Il percorso si dividerà in due giorni di allenamento classico marziale durante i quali gli attori impareranno a camminare, cadere, attaccare e a respirare in movimento. Ed altri due giorni di pratica con il Maestro Poderosi e con l'istruttore due volte campione italiano di Kik Boxing, Andrea Rinaldi, davanti alla macchina da presa, per comprendere le difficoltà cui l'attore andrà incontro quando sul set dovrà affrontare un combattimento scenico "vero".


[Combattimento marziale cinematografico sul set del film 'L'Ultimo Samurai' con Tom Cruise] 

"Grazie al Nuovo IMAIE ed alla collaborazione con Cinecittà 3, speriamo di colmare questo vuoto professionale, magari sfatando il fatto che non è tutto finto quello che si vede e che - spiega  Poderosi - la maggior parte delle volte è reale, ovviamente fatto con le dovute accortezze di sicurezza. Ricordo che la maggiore parte degli attori internazionali di film di action sono realmente dei praticanti, se non dei veri e propri maestri di arti marziali".

INFORMAZIONI
- Evento in diretta streaming dal 19 marzo alle ore 11 sul canale web di Cinecittà 3