Vincent Cassel: "Lo ammetto, faccio le pubblicit per denaro"

Da qualche tempo il suo viso sornione appare spesso in tv grazie a due spot che reclamizzano una macchina e un profumo. Il marito di Monica Bellucci confessa di accettare tali ingaggi solo per soldi. E lo spot della Lancia Y sotto accusa.

Celebrity Redazione/TB 07/07/2011
Titolo: L'attore Vincent Cassel
Fonte: Immagine dal web

Il mondo del cinema lo enfatizza come il 'bello e dannato' dei tempi moderni, da anni l'attore francese Vincent Cassel non fa che interpretare ruoli da cattivo, sempre declinati in chiave sensuale e spavalda. Come ha affermato durante un'intervista a Riders Italian Magazine, qualche tempo fa, Cassel prende molto sul serio la sua professione e prima di accettare di calarsi in un determinato ruolo deve sentirsi 'rapito' dalla parte, altrimenti niente da fare.

Ma questa indiscussa prova di serietà professionale non investe tutti gli ambiti lavorativi nei quali l'attore si trova coinvolto, per quanto riguarda le pubblicità per la televisione, ad esempio, ammette tranquillamente: "La pubblicità la faccio per soldi, non lo nego". E proprio in queste settimane le nostre emittenti sono 'bombardate' dai due spot pubblicitari che vedono protagonista l'attore francese, da un lato impegnato a enfatizzare il lusso 'discreto' della Lancia Y, dall'altro intento a sedurre grazie alle fragranze de 'La nuit de l'homme', il profumo firmato Yves Saint Laurent.

"Io lavoro nel cinema e nella pubblicità - ha detto ancora il divo a Raiders Magazine -. Il cinema non lo faccio per denaro, ma perché mi innamoro dei progetti e ci credo con tutto me stesso".  Non lo mettiamo in dubbio. E veniamo però a sapere che quando si tratta di girare uno spot Cassel pensa solo 'agli sghèi', diciamo così. D'altra parte anche lui dovrà arrotondare lo stipendio, che diamine. Sposato dal 1999 con l'altrettanto facoltosa Monica Bellucci e padre di due bambine (Deva, 6 anni, e Léonie, 9 mesi), l'attore avrà certamente spese su spese...

IL LUSSO È UN DIRITTO? E, sempre a proposito di soldi, c'è già chi si è scagliato contro la pubblicità che reclamizza la Lancia Ypsilon per via del messaggio veicolato: "Il lusso è un diritto", afferma Cassel con voce sicura e profonda nel video, e l'Unione nazionale consumatori ha accusato lo spot di offendere i tanti lavoratori che non riescono ad arrivare a fine mese enfatizzando beni superflui come l'oggetto reclamizzato da un attore per di più ricco e famoso, dipingendo un mondo totalmente scollegato dalla realtà, soprattutto italiana. Nello spot ci si chiede cosa sia il vero lusso e si nominano tante cose futili e vanesie. Allo stato attuale il vero lusso, che dovrebbe quello si essere un diritto, è salutare il trenta del mese con dignità.