450 giocattoli, divertimento e allegria: compleanno solidale per il comico Alessandro Serra

Una valanga di giochi per i bimbi degli ospedali di Roma. Così il comico di Zelig e Colorado ha festeggiato il suo 45° compleanno: "Ringrazio tutti voi che, venendo a divertirvi questa sera, e portando un giocattolo avete regalato un sorriso!"

Celebrity Francesca Nanni 19/11/2015
Fonte: Photo ©Roberto Tedeschi
Gallery

    https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447949950_19.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447949963_11.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447949971_17.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447949988_11.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447949999_7.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447950006_11.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447950013_8.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447950034_16.jpg

  • https://www.nannimagazine.it/_resources/_documents/news/media/1447950040_8.jpg
Image of

Un gigante buono in mezzo ad una montagna di giocattoli, un eterno Peter Pan che ha trasformato il suo compleanno in una festa solidale collettiva per donare un sorriso a tanti bambini ricoverati nei reparti pediatrici degli ospedali di Roma e nelle case famiglia. Alessandro Serra, tra i comici più amati nel panorama romano, protagonista di Zelig e Colorado, festeggia così i suoi 45 anni, con più di 450 giocattoli di vario genere e per tutte le età, donati da ciascuno degli invitati chiamati a raccolta per l'evento organizzato da Serra presso CasaGusto Cavour a Roma il 18 novembre. Una vera e propria valanga di macchinine, trenini, peluches, bambolotti, Barbie, costruzioni, giochi di società per i più grandicelli, e tanti altri ancora che saranno donati a reparti pediatrici nei giorni precedenti Natale.

"Ringrazio tutti voi che, venendo a divertirvi questa sera, e portando con voi un giocattolo da donare - ha detto Serra -, avete regalato un sorriso a chi ne più bisogno: i bambini che si trovano negli ospedali". Poi, alleggerendo ma senza banalizzare, come nel suo stile, ha aggiunto con una battuta: "E inoltre ringrazio anche tutti quelli che non sono venuti....In quanto non c'era più posto…Grazie a tuttiiiii!". E via ad una frizzante serata caratterizzata da tanta musica dal vivo, divertimento esilarante con le tante battute al volo di Serra diviso tra saluti agli amici e le interviste "informali", gustando una cena buffet offerta da 'CasaGusto Cavour', locale glamour della movida romana, e preparata dai suoi chef.

Tanti i personaggi del mondo dello spettacolo e della moda che hanno accolto l'invito di Serra, tra questi: l'ex tronista Antonio Iorio (Uomini e Donne), Francesca Salerno (Uomini e.Donne), l'attore Enio Drovandi, l'attrice Elena Russo, l'attrice e conduttrice Emanuela Tittocchia. Ed ancora Lucia Stara, Daniela Martani, Giorgia Viero, Adriana Russo, Massimo Pittarello, Sandro Cucchi, Fabrizio Pacifici. Gli stilisti Flavio, Mauro e Francesco Celli dell'Atelier Celli Spose dal 1935, Riccardo Modesti, l'avvocato Totõ Scarfone, Andrea Quattrini. E poi i comici Antonio Covatta, Marco Passiglia, Max 'volverine' Damiani di Made in Sud, ballerine e visagisti, e tanti attori di teatro. La frizzante ed allegra colonna sonora della serata è stata affidata alle musiche della Soliti Ignoti Band, che ha accompagnato dal vivo la voce di Alessandro Serra nel suo brano tormentone 'SelfieCoatto'. La serata si è poi conclusa con una torta bizzarra personalizzata realizzata ad arte. 

Insomma, divertimento, allegria e sensibilizzazione attraverso un'iniziativa che, come recita una delle dediche lasciate sul libro degli ospiti, è stata davvero lodevole e dalla quale sono pronti a partire 450 piccoli sorrisi che, speriamo davvero, possano far dimenticare almeno per un po' la tristezza e la paura di un momento delicato e, spesso, troppo grande da sopportare per molti piccoli pazienti. 

di Francesca Nanni